Fiorentina-supercoppa.jpg
Jacopo Uccelli
Ruolo:
Relazioni esterne
Indirizzo:
Lastra a Signa
FI
Italia

Eccomi qua, Fiorentino di Piazza Pitti, battezzato in Battistero e sposato in Palazzo Vecchio, da sempre attaccato ai colori viola, e a tutto ciò che riguarda la "mia" Firenze.

Nasce per caso, e forse soprattutto per curiosità, la mia passione per la Fiorentina Women's, vengo travolto da questo mondo definito dai più calcio minore oppure denigrato con termini più pesanti e discriminatori nei confronti di un movimento che è sempre più in crescendo e appassiona sempre maggior pubblico. Per me, ragazzo del '67, vedere il tricolore accanto al nostro giglio è motivo di emozione pura e grande orgoglio. Alla mia età, appunto, vedere il proprio volto bagnarsi di scroscianti lacrime d'emozione per una cavalcata inarrestabile dell'inesauribile Alia, oppure di un dribbling ubriacante di Patrizia, o di una rete mai banale di Tatiana, oppure di un gol da centravanti puro di Ilaria, per non parlare delle architettoniche giocate di Alice o dei voli d'angelo miracolosi di Stephanie, è proprio stupendo... e non me ne vogliano tutte le altre splendide pittrici di quest'opera meravigliosa a tinte viola, se non le cito è solo per lasciar spazio ai caratteri, tralasciando le pulsazioni del mio cuore.

Firenze, da sempre è la culla del Rinascimento, la bellezza e l'arte fa da contorno al carattere di noi fiorentini, a volte burberi, sguaiati, brontoloni, polemici e in disaccordo su tutto, ma capaci di identificarsi in un unica passione quando si tratta di difendere i propri colori e la propria città della quale ci sentiamo in diritto "solo noi" di criticarla, ma guai a chi ce la tocca. Per questo nasce in me la voglia di creare uno spazio da dedicare a tutte le artefici del "Capolavoro". L'idea di vederle esultare sotto qualcosa che che le rappresentasse, con dietro il suo popolo festante. Così grazie al gruppo su Facebook riesco ad interagire con persone che condividono la mia stessa passione, che si trasforma in colletta, e viene realizzato un bellissimo striscione. La scritta forte ed imperativa: GO WOMEN'S.

Sento che da tempo circola l'idea di creare un Viola Club vero e proprio. In una calda sera di giugno vengo piacevolmente invitato per conoscere le basi di questo bellissimo progetto, così che in una buia piazza di Firenze sud faccio la mia conoscenza di un gruppo di persone splendide e determinate a realizzare questo sogno. Ci sono, un manager affermato e preparatissimo, un'esperto di calcio femminile nonché collaboratore di Calcio Femminile Italiano , una deliziosa ragazza che trasuda entusiasmo da tutti i pori, e altri due "ragazzotti" della mia età o giù di lì. Ma la cosa più importante è che ognuno ha il Viola dentro. Viene deciso di creare non UN Viola Club, ma come lo chiamo io, IL Viola Club con annessi e connessi. Le riunioni si intensificano, si confrontano le idee ed il gruppo si plasma, si ingrandisce e si delinea. Un unico desiderio comune: il Presidente dovrà essere una donna, così dopo aver cercato all'interno del gruppo una figura che potesse soddisfare le aspettative viene individuato il profilo giusto. Chi meglio di un affermata giornalista dalla schiena dritta da anni nel settore del calcio dilettantistico e professionistico, che accetta subito con entusiasmo, professionalità e competenza che da sempre l'hanno contraddistinta.

Adesso lo stato massimo del Club è rappresentato da addirittura due donne: Presidente e Vice-Presidente (ricordate la ragazza che trasuda entusiasmo?). Per concludere voglio ringraziare il Manager affermato Fabio, l'esperto Francesco, la ragazza che trasuda entusiasmo Martina, la giornalista dalla schiena dritta ed "Amica" Sonia, i due "ragazzotti" come me Sergio e Roberto, ma soprattutto un ringraziamento particolare lo devo ad Andrea Bianchi che mi ha introdotto e fatto conoscere i sopra citati con i quali la mia PASSIONE HA PRESO FORMA. Ed allora GO WOMEN'S il cammino è appena iniziato!